Kuga Plug-In Hybrid, la più venduta in Europa nel suo segmento.

Kuga Plug-In Hybrid, la più venduta in Europa nel suo segmento.

Kuga Plug-In Hybrid mette un nuovo record nel mirino. Dopo il successo registrato nel 2021, anno in cui la vettura è risultata l’ibrida plug-in più venduta nel vecchio continente, la perla di casa Ford si prepara a fare il bis anche per il 2022.

I presupposti ci sono tutti. Ed i numeri registrati nella prima parte dell’anno parlano di un incremento del 28% delle vendite rispetto alla diretta concorrente.

L’andamento della grande attenzione che anche il mercato locale dedica alla Kuga Plug-In Hybrid è confermato anche da Fabio Grillo, ceo di Ford Blu Center di Mercogliano.

«E’ un allestimento che trova sempre più estimatori – conferma Fabio Grillo – soprattutto tra i giovani e tra chi mostra un generale orientamento green. La Kuga ibrida rappresenta oggi il giusto compromesso tra le vetture tradizionali, con allestimento a benzina o diesel, ed il futuro rappresentato dall’elettrico. Tra l’altro in questo periodo può essere acquistata con bonus Ford ed incentivi statali». Scopri di più

Grazie al suo propulsore intelligente, Kuga Plug-In Hybrid offre ai clienti una grande flessibilità, con un’autonomia elettrica di 57-67 km WLTP (nel ciclo misto) e di 71-88 km WLTP (nel ciclo cittadino) che consente di viaggiare totalmente a zero emissioni.

Anche il consumo di energia, pari a 14,4-15/9 kWh/100 km nel ciclo WLTP, è inferiore a quello dei principali concorrenti.

A rendere ancora più accattivate l’automobile è il fatto di riuscire a fornire in maniera esaustiva sia i plus di un veicolo a benzina che la potenza dell’energia di uno elettrico.

Chi si mette alla guida di una Kuga Plug-In Hybrid può inoltre contare sulla modalità di guida EV Auto che significa poter contare sulla maggiore efficienza possibile.

Il risultato? I consumi vengono ottimizzati a seconda di quello che è il tracciato di guida che si sta eseguendo.

Ma come funziona un veicolo Plug-In Hybrid? Lo spiega un cliente “entusiasta” della scelta fatta qualche mese fa.

Lucio Pellecchia, commercialista avellinese, valuta positivamente la sua esperienza con Kuga Plug-In Hybrid.

«E’ una vettura performante, con il miglior rapporto qualità presso tra quelle dello stesso segmento. Soprattutto per chi ha la possibilità di ricaricare la batteria in maniera poco costosa, o perché ha un impianto fotovoltaico o perché ha una fornitura di energia elettrica a condizioni vantaggiose, gli spostamenti quotidiani avvengono quasi gratuitamente. In elettrico, infatti, – spiega Pellecchia – si riescono a fare circa 50 km, un po’ la percorrenza di chi si muove in una città come Avellino. Ricaricando il veicolo di notte, praticamente si cammina quasi gratis».

Quando invece, ad esempio per viaggi più lunghi, occorre utilizzare il motore a benzina, comunque si ricarica la batteria, portando l’autonomia fino a 500 km.

«Anche a benzina l’auto fornisce grandi prestazioni. Il motore è molto potente ed in fase di accelerazione si sente. Devo dire, poi, considerando proprio la potenza del motore, i consumi di benzina non sono nemmeno eccessivi. Insomma – conclude Lucio Pellecchia -, sia che si utilizzi in versione elettrica che a benzina, c’è un bel risparmio».

Naturalmente, oltre che privatamente, la batteria può anche essere ricaricata attraverso una una stazione di ricarica pubblica, come quella presente nello spazio antistante lo showroom Ford Blucenter a Torrette di Mercogliano. 

Formazione e lavoro: la strada giusta per un posto di lavoro anche in Blu Center.

Formazione e lavoro: la strada giusta per un posto di lavoro anche in Blu Center.

Anche durante l’estate appena trascorsa, Ford Blu Center ha aperto le sue porte ai giovani, per far vivere loro una vera esperienza lavorativa.

Un percorso che va avanti da 7 anni, in collaborazione con il professore Lidio Minichiello che, da anni, si occupa di formazione tecnica, preparando al mondo del lavoro tantissimi giovani irpini con l’Associazione Progetto Futuro e Volontariato.

Obiettivo di questa fattiva sinergia è quella da un lato di mettere i giovani in condizione di conoscere cosa li aspetta in un ambiente lavorativo, dall’altro consentire all’azienda di testare le capacità ed eventualmente individuare risorse da inserire in organico al termine della carriera scolastica.

«Cosa già avvenuta con Mattia Zara e Roberto D’Avanzo, che sono due giovani e bravissimi meccanici che sono entrati in organico subito dopo aver terminato la scuola professionale “Amatucci” di Avellino racconta Fabio Grillo, AD di Ford Blu Center -. Nei mesi estivi mettiamo a disposizione dei giovani il nostro know how in modo che chi sta per terminare il corso di studi abbia già un’idea di ciò che li attende dopo».

Insomma, una sorta di avviamento al lavoro con un valore aggiunto, quello della specializzazione che, a quanto lamentano diversi imprenditori, è la vera nota dolente della formazione.

Perché, come accade in tantissimi campi, una cosa è la formazione teorica, altro quella pratica.

«Se devo assumere un tecnico, oggi faccio fatica a trovarlo – ammette Fabio Grillo –  perché manca una scuola che formi i ragazzi in maniera specializzata. Forse è l’intero sistema della formazione professionale da rivedere».

I percorsi di formazione-lavoro sono per un’azienda come Ford Blu Center centrali per assicurarsi, anche in futuro, standard produttivi elevati. Ecco perché, l’azienda di Torrette di Mercogliano continua a guardare con attenzione al mondo dei giovani, sui più motivati e bravi dei quali è pronta a scommettere. Offrendo loro un’opportunità che può cambiare il percorso di vita.  

«La nostra impostazione aziendale da sempre premia il merito: investiamo sui giovani, li formiamo facendoli partecipare ai corsi di formazione interni di casa Ford, che ci restituiscono bravi meccanici specializzati. Figure – conclude Grillo – che è sempre più difficile reperire sul mercato del lavoro senza un investimento che per noi è prima sulle doti umane».

Leggi anche

Leggi Anche

Roberto D’Avanzo, il meccanico.

Roberto D’Avanzo, il meccanico.

«Quando siamo soli, io e la macchina, inizia per me la più straordinaria delle esperienze». Roberto D’Avanzo, classe 1997, è uno dei volti giovani e competenti dello staff dell’officina di Ford Blu Center.

Una storia da raccontare la sua, un modello da seguire per tanti giovani.

Il lavoro? C’è se ci credi e sai costruire il tuo futuro. Roberto ne è una concreta testimonianza.

Dopo aver frequentato l’istituto professionale “Amatucci” di Avellino, con specializzazione in meccatronica, nel 2018 Roberto D’Avanzo, figlio d’arte, decide di alzare l’asticella delle sue aspettative.

Un curriculum inviato alla Ford Blu Center è il gesto che gli cambia la vita.

«Dopo il colloquio, mi chiedono se fossi pronto per un periodo di prova. Per me, che seguivo con passione i motori sin da bambino sulle orme di mio padre, una grande occasione» spiega il giovane meccanico.

A dargli il benvenuto nell’officina Ford è Mattia Zara, un coetaneo.

Tra i due nasce subito un feeling professionale, che il capofficina, Domenico Zara, alimenta. Perché sa che un buon clima sul lavoro aiuta a migliorare le prestazioni.

«All’inizio mi hanno affiancato a Mattia. Ho avuto modo di apire come funzionava l’attività in azienda. Poi, dopo alcuni mesi, sono stato spostato sulla meccanica. Ed ho cominciato a lavorare sui motori, sulla parte più pesante. La cosa straordinaria qui – confessa Roberto D’Avanzo – è che non mi hanno messo fretta. Hanno atteso che fossero maturi i tempi per lasciarmi solo, dopo un importante periodo di formazione».

Quando Fabio Grillo e Mafalda Fusilli, rispettivamente Ceo e Service Manager di Ford Blu Center, gli hanno comunicato che avrebbe dovuto seguire dei corsi di formazione a Roma, il giovane meccanico ha capito di avercela fatta a conquistare la loro fiducia.

«Sono stati due anni molto intensi, in cui ho fatto sacrifici per conciliare il lavoro con l’apprendimento di quanto i meccanici esperti di casa Ford mi insegnavano» ammette Roberto D’Avanzo.

Che si reputa un ragazzo fortunato ma sa anche di aver costruito grazie alla sua determinazione, al suo impegno e alle sue passioni quello che sembra un percorso professionale, e di vita, destinato a regalargli ancora tante gioie.

«All’inizio non è stato affatto semplice, avevo paura, mi trovavo da solo in un’azienda grande. L’aver incrociato un coetaneo in officina mi ha aiutato molto. Oggi – ammette D’Avanzo – se guardo a ciò che accade intorno a me, tra i miei amici, non posso non ritenermi un ragazzo fortunato: ho autonomia economica, posso fare progetti, posso togliermi sfizi. E ci sono riuscito – conclude Roberto D’Avanzo – grazie all’impegno nello studio, ai sacrifici, alla voglia di seguire una mia passione e a tante straordinarie persone che ho incontrato nel mio percorso, persone che hanno creduto in me e alle quali va la mia riconoscenza». 

Maria Teresa Borneo, Customer Care

Maria Teresa Borneo, Customer Care

Mantenere sempre caldo il mood della clientela, coccolando chi, non importa quando e per cosa, sia entrato in contatto con il mondo Ford. E’ ciò di cui si occupa, con successo, Maria Teresa Borneo, responsabile del Customer Care di Ford Blu Center.

In qualche modo, può essere definita la voce dell’Ovale blu in provincia di Avellino, una veterana nel settore commerciale dell’automobile.

«Ero ancora all’Università quando, ormai 23 anni fa, ho iniziato a lavorare per la famiglia Napodano. Il nonno di Fabio Grillo, l’attuale ceo di Ford Blu Center, mi diede questa opportunità. Nel tempo, ho cambiato vari marchi. Ma non ho mai abbandonato questa che è una straordinaria, grande famiglia».

Il lavoro di Maria Teresa Borneo è incentrato prevalentemente sul contatto, le relazioni e le motivazioni. Bisogna saper toccare le corde giuste per fidelizzare la clientela e legarla al brand.

«Prima di parlare, ascolto molto ciò che le persone hanno da dire. Anche quando muovono qualche critica. Saper ascoltare è fondamentale per entrare in sintonia e fornire risposte adeguate a ciò che viene richiesto».

Soprattutto negli ultimi tempi, il lavoro di chi si interfaccia con potenziali acquirenti o con clienti che devono recarsi in officina per il tagliando e la manutenzione non è dei più agevoli.

«Bisogna saper creare subito quell’empatia utile al raggiungimento del risultato – evidenzia Maria Teresa Borneo -. Anche quando il cliente appare ostico, critico rispetto alla spesa che dovrà affrontare bisogna saperlo ascoltare, coccolare. E alla fine ringraziano sempre tutti per la disponibilità che incontrano».

Proprio il rapporto che si crea tra il cliente ed il servizio di Customer Care, che sonda la qualità della relazione, fornisce la migliore risposta all’azienda.

«Indubbiamente, sotto il profilo personale, c’è grande soddisfazione quando un cliente ti ringrazia per la disponibilità o chiama in azienda chiedendo direttamente di te, perché ricorda di essere stato trattato bene, di essere stato compreso».

Il tema prezzi, manco a dirlo, è quello sul quale la responsabile del servizio qualità dei clienti deve saper fornire le risposte più esaurienti. Anche in questo caso, il punto di forza di Ford è proprio il “calore” che si percepisce nel rapporto che si va instaurando.

«Capita che qualcuno chieda di posticipare, ad esempio, il tagliando, perché dice che in quel momento ha problemi economici. Noi cerchiamo sempre di essere comprensivi e di venire incontro ad ogni richiesta. Ecco perché, nel tempo, si genera un rapporto solido, di fiducia».

L’aspetto umano è centrale nel lavoro di Maria Teresa Borneo. Ed, a volte, lascia il segno sotto il profilo emotivo.

«Una nostra vecchia cliente ci ha chiamato raccontandoci di aver perso il marito a causa del Covid. Era lui che si preoccupava delle scadenze, era lui che ci contattava per fissare gli appuntamenti. Ora, non essendoci più, mi ha chiesto se potessi prendere io il suo posto, chiamandola per ricordarle gli appuntamenti in officina. Quella telefonata mi ha commosso – ammette in conclusione Maria Teresa Borneo -. Credo che questo sia il più grande successo per chi fa il mio lavoro: un profondo senso di fiducia che non viene scalfito nemmeno dai momenti più duri che si affacciano alla vita di ognuno di noi».

TN Service rafforza la partnership con Ford Blu Center scegliendola per la flotta auto del management.

TN Service rafforza la partnership con Ford Blu Center scegliendola per la flotta auto del management.

Antonio Montella è il responsabile dell’Ufficio Vendite e Noleggi della TN Service, azienda del Gruppo Torello con quartier generale a Montoro e altre 3 sedi in Italia. TN Service è un’officina meccanica specializzata nella manutenzione ed assistenza a veicoli commerciali ed industriali.

Di recente, TN Service ha rafforzato la partnership con Ford Blu Center, scegliendo l’azienda che fa capo a Fabio Grillo per la fornitura di una serie di automobili da mettere a disposizione del management per gli spostamenti di lavoro su tutto il territorio nazionale.

Antonio Montella, responsabile dell’Ufficio Vendite e Noleggi della TN Service
Antonio Montella, responsabile dell’Ufficio Vendite e Noleggi della TN Service

 Quando nasce la collaborazione con Ford Blu Center?

“Il primo contatto tra TN Service e Ford Blu Center c’è stato nel 2009 con la prima vettura acquistata. Fu Nicola Torello, patron del Gruppo, che volle prendere una Ford Kuga, alla sua uscita. Nel tempo il rapporto si è andato sempre più rafforzandosi, con vari acquisti di auto che sono entrate a far parte della nostra flotta aziendale. Gli ultimi ingressi sono recentissimi: 10 Focus, 5 Kuga e 1 Puma che sono già in dotazione ai nostri dipendenti, sulle strade d’Italia.”

Perché è stata scelta questa azienda per la fornitura dei veicoli aziendali?

“Le Ford rappresentavano la scelta giusta per le nostre necessità, poi l’intesa è stata ottima fin dall’inizio: velocità nelle operazioni e nella fornitura. Un ottimo rapporto qualità/prezzo in riferimento al segmento di autovetture di cui avevamo bisogno. Fin da subito, poi, abbiamo avuto in Felicia De Blasio un interlocutore che ha saputo farci sentire parte della famiglia Blu Center, supportandoci nella scelta con competenza, cortesia e disponibilità.”

Quale formula è stata scelta per la fornitura dei veicoli e perché la ritenete vantaggiosa?

“La formula leasing che ci è stata riservata è stata sicuramente quella più vantaggiosa per noi. Si hanno tutti i costi sotto controllo, una ripartizione degli stessi fissa e con il vantaggio di un utilizzo immediato del bene senza un esborso iniziale gravoso. Credo proprio che sia la formula ideale per il business di un’azienda, che sia essa di piccole, medie o grandi dimensioni.”

Quali sono – da clienti – i punti di forza di Ford Blu Center?

“Senza dubbio in primis il marchio Ford, una garanzia assoluta che in Blu Center – come già anticipato – viene sempre affiancato ad un rapporto qualità/prezzo che è ineguagliabile. Infine, ma non per ordine di importanza, un’assistenza pre e post-vendita a dir poco impeccabile: presenza costante e un rapporto che va oltre la semplice consulenza, la professionalità e la cordialità del personale fa la differenza. Sono questi i valori che prediligiamo.”

Quanto è importante, soprattutto di questi tempi, creare una forma di economia circolare locale, mettendo in rete realtà economiche diverse ma che operano o hanno sede sul territorio irpino?

“Credo sia davvero fondamentale, per noi in TN Service il legame con il territorio è imprescindibile. Con i nostri servizi siamo presenti e attivi in tutta Italia e su ognuna delle nostre sedi – Montoro (AV), Mercato San Severino (SA), Piacenza e San Giovanni Lupatoto (VR) – abbiamo sempre uno stretto legame con il territorio e i suoi attori, quelli che – più che fornitori o clienti –  ci piace chiamare partner: il valore della partnership, per noi, si manifesta proprio nel rapporto umano, nell’incontro di esperienze e competenze diversificate ma messe in campo sullo stesso territorio per una crescita di tutto il sistema su scala sia locale che globale. E così è anche con Ford Blu Center ovviamente.”

Ritornano gli incentivi auto, fino a 5mila euro per la tua nuova autovettura.

Ritornano gli incentivi auto, fino a 5mila euro per la tua nuova autovettura.

Il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e sarà subito operativo. L’operatività sulla piattaforma partirà il 25 maggio, ma i contratti di vendita saranno validi da lunedì 16 maggio.

Lunedì 16 maggio 2022 con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, ritornano gli incentivi per le automobili non inquinanti con sconti fino a 5mila euro.

Il decreto – secondo quanto si apprende dal Ministero dello Sviluppo economico – sarà immediatamente operativo.

Informazioni per usufruire degli incentivi auto in provincia di Avellino

  • Per informazioni è possibile contattare il nostro showroom chiamando il numero 0825.685331.

Ricordiamo che i nostri uffici situati in Via Nazionale Torrette Di Mercogliano, 209 83013, Mercogliano (Avellino) sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 15:45 alle 19:15. Il sabato siamo aperti dalle 09:00 alle 12:15

Le risorse stanziate

Il provvedimento destina 650 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024, quasi due miliardi in tre anni.

I Bonus previsti

Ai fini del bonus saranno validi i contratti di vendita stipulati con i concessionari a partire da Lunedì 16 maggio.

Ecco la struttura degli incentivi 2022 destinati all’acquisto delle nuove auto.

Scopri le promozioni FORD del mese di maggio presso il nostro showroom di Mercogliano ad Avellino

Auto Elettriche

Il decreto sugli incentivi prevede che per l’acquisto di auto elettriche (fascia di emissioni 0-20 g/km) con prezzo fino a 35mila euro più Iva sia possibile richiedere un contributo di 3mila euro.

Si possono aggiungere altri 2mila euro con la rottamazione di un mezzo inferiore a Euro5.

Questa categoria è finanziata con 220 milioni nel 2022, 230 nel 2023 e 245 nel 2024.

Automobili ibridi plug-in

Per acquistare veicoli ibridi plug-in (fascia di emissione 21-60 g/km) con prezzo fino a 45mila euro più Iva si può invece ottenere un contributo di 2mila euro.

Con la rottamazione si possono aggiungere altri 2mila euro. In questo caso i fondi a disposizione sono 225 milioni nel 2022, 235 nel 2023 e 245 nel 2024.

Automobili motori tradizionali, mild hybrid e full hybrid

Per le auto con motori tradizionali a basse emissioni (fascia 61-135 g/km) e alcune tipologie di mild hybrid full hybrid con un prezzo fino a 35mila euro più Iva, è possibile richiedere un contributo di 2mila euro solo con rottamazione.

Questa categoria è finanziata con 170 milioni nel 2022, 150 nel 2023 e 120 nel 2024.

I destinatari

Gli incentivi sono concessi soltanto alle persone fisiche.

Una piccola percentuale dei fondi è riservata alle società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in.

Veicoli commerciali elettrici

In favore di piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, esercenti attività di trasporto sono previsti invece contributi per l’acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 e N2, nuovi di fabbrica, ad alimentazione esclusivamente elettrica.

L’incentivo viene concesso con la contestuale rottamazione di un veicolo omologato in una classe inferiore ad Euro 4.

Riconosciuto un contributo di

  • 4mila euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate,
  • 6mila euro per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate,
  • 12mila euro per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate.
  • 14mila euro per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate è riconosciuto un contributo di 14mila euro.

Questo ecobonus è finanziata con 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

Apri chat
Scrivi
Ciao 👋
possiamo aiutarti?